Selfiemployment - lavorarefacile.it

La guida on line al mondo del lavoro

Lf lavorarefacile.it 2018 lavorarefacile.it 2018
Vai ai contenuti
NOVITA' DAL MONDO DEL LAVORO

Si finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5  milioni di euro che può coprire fino al 75% delle spese totali. Destinatari tutti gli under36 e le donne di ogni età che desiderano avviare un’attività imprenditoriale.

La Legge di Bilancio 2018, ha destinato importanti risorse attraverso gli Incentivi assunzione 2018: incentivi assunzione giovani, incentivi assunzione giovani di Garanzia Giovani; incentivi assunzione sud. Per conoscere le modalità di accesso.


Convertito in Legge il d.l. 12 luglio 2018, n. 87 (decreto dignità)

Contratti a tempo determinato:
durata massima 24 mesi, rinnovi e proroghe massimo 4. Per le  proroghe e i rinnovi superiori ai 12 mesi viene reitrodotta la causale. Inoltre, è previsto un aggravio contributivo dello 0,5% su ogni rinnovo o proroga di contratti a termine superiore ai 12 mesi. Le nuove regole si applicano dal 1/11/2018. Vai
Modifiche alle nuove Prestazioni Occasionali: possibile utilizzo per le aziende alberghiere e le strutture del settore turistico con durata massima fino dieci giorni.
Proroga del Bonus assunzioni giovani under 35 fino a tutto il 2020.

Selfiemployment

Il lavoro autonomo
Selfiemployment

Il selfiemployment rappresenta il sostegno all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità per i giovani, è destinato alle categorie di soggetti svantaggiati nel mercato del lavoro. Il Fondo Rotativo Nazionale SELFIEmployment, finanzia una misura agevolativa che prevede finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma di garanzia reale e/o di firma in favore di iniziative di autoimpiego ed autoimprenditorialità.
Gli obbiettivi che si intendono raggiungere sono i seguenti:
  • sostenere  l'avvio di nuove iniziative imprenditoriali (lavoro autonomo o attività  di impresa o microimpresa o franchising), promosse da giovani  aderenti a garanzia giovane che si trovano ancora allo stato di NEET,  attraverso la concessione di finanziamenti agevolati;
  • offrire  servizi integrati e mirati, anche attraverso il tutoraggio, per  promuovere la realizzazione di progetti per il sostegno e lo sviluppo di specifiche idee imprenditoriali ovvero progetti che favoriscano  l’individuazione e la crescita di prospettive occupazionali legato all’autoimpiego.
Il selfiemployment è volto a sostenere l’avvio di nuove piccole iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo promosse da giovani NEET appartenenti a garanzia giovani, con programmi di spesa inclusi tra 5.000 e 50.000 euro, attraverso la concessione di finanziamenti agevolati senza interessi e non assistiti da nessuna forma  di garanzia reale e/o di firma.
I finanziamenti agevolati sono così ripartiti:
a) microcredito, per iniziative con programmi di spesa inclusi tra i 5.000 ed i 25.000 euro;
b) microcredito esteso, per iniziative con programmi di spesa inclusi tra i 25.001 ed i 35.000 euro;
c) piccoli prestiti, per iniziative con programmi di spesa inclusi tra i 35.001 ed i 50.000 euro.
Possono accedere alla misura i NEET che alla data di presentazione della domanda devono:
a) avere compiuto il 18esimo anno di età;
b) non frequentare un regolare corso di studi (secondari superiori, terziari non universitari o universitari) o di formazione;
c) non essere inseriti in tirocini curriculari e/o extracurriculari;
d) essere disoccupati ai sensi dell’articolo 19, comma 1 e successivi del decreto legislativo 150/2015 del 14 settembre 2015;
e) avere residenza sul territorio nazionale;
f) aver aderito al Programma Garanzia Giovani.
Le domande possono essere presentate in forma di:
  • imprese individuali, società di persone, società cooperative con un numero di soci non superiore a nove, associazioni professionali e società tra  professionisti costituite da non più di 12 mesi rispetto alla data di  presentazione della domanda purché inattive;
  • imprese individuali, società di persone, società cooperative con un numero di soci non superiore a nove non ancora costituite, a condizione che si costituiscano entro 60 giorni dall’eventuale provvedimento di  ammissione.
Le forme societarie/associative sopra elencate, devono essere costituite da persone fisiche.
Non sono ammesse le iniziative che prevedono il rilevamento di azienda già esistente né il rilevamento di ramo d’azienda.
Il proponente, alla data di presentazione della domanda, deve:
1. per le iniziative presentate in forma di impresa individuale:
a) localizzare la sede della futura attività nel territorio nazionale;
b) avere i requisiti di cui sopra;
c) non essere stato rinviato a giudizio e di non aver riportato condanne anche non passate in giudicato per i reati presupposto di cui al D.Lgs. 231/01;
d) dichiarare di non aver fruito di altre agevolazioni pubbliche della stessa natura o per le stesse finalità fatta eccezione per le agevolazioni di carattere fiscale;
e) non essere sottoposto a procedure esecutive o concorsuali;
f)  non deve aver avuto protesti per assegni bancari/postali e/o effetti  cambiari negli ultimi 3 anni, salvo che, abbia proceduto:
  •  al pagamento del titolo protestato oltre i 12 mesi dalla levata del  protesto ed abbia presentato domanda di riabilitazione al Tribunale;
  • al  pagamento del titolo protestato entro i 12 mesi dalla levata del  protesto - o per accertata illegittimità o erroneità della levata -  qualora sia stata avviata la procedura di cancellazione dal Registro  Informatico dei Protesti istituito presso il Registro delle Imprese;
2. per le iniziative in forma societaria/associative, come sopra definite:
a)  essere iscritte al Registro imprese della CCIAA competente per  territorio e non attive (solo per le società costituite) ovvero essere  iscritte negli appositi registri o albi istituiti presso i competenti  Organi di Vigilanza;
b)  localizzare la sede operativa nel territorio nazionale;
c) dichiarare di non fruire contestualmente di altre agevolazioni pubbliche della stessa natura o per le stesse finalità fatta eccezione per le agevolazioni di carattere fiscale;
d) non essere sottoposte a procedure esecutive;
e)  per le società di persone il rappresentante legale deve detenere la  maggioranza assoluta delle quote societarie (51%) e possedere i  requisiti di cui sopra;
f)  per le società cooperative i soci rappresentanti la maggioranza  assoluta numerica e di quote di partecipazione della cooperativa, nonché  il      presidente della stessa, devono possedere i requisiti di cui sopra;
g)  per le associazioni professionali e per le società tra professionisti  tutti i componenti devono possedere i requisiti di cui sopra.
Con singole dichiarazioni i soci e gli associati sono tenuti a dichiarare di:
  • non essere stati rinviati a giudizio e non aver riportato condanne anche non passate in giudicato per i reati presupposto di cui al D.Lgs.  231/01;
  • non aver avuto protesti per assegni bancari/postali e/o effetti cambiari negli ultimi 3 anni, salvo che abbiano proceduto:
  • al pagamento del titolo protestato oltre i 12 mesi dalla levata del  protesto ed abbiano presentato domanda di riabilitazione al Tribunale;
  • al pagamento del titolo protestato entro i 12 mesi dalla levata del  protesto - o per accertata illegittimità o erroneità della levata -  qualora sia stata avviata la procedura di cancellazione dal Registro  Informatico dei Protesti istituito presso il Registro delle Imprese.
Sono ammissibili le iniziative riferibili a tutti i settori della produzione di beni, fornitura di servizi e commercio, anche in forma di franchising, quali ad esempio:
  • turismo (alloggio, ristorazione, servizi) e servizi culturali e ricreativi;
  • servizi alla persona;
  • servizi per l’ambiente;
  • servizi ICT (servizi multimediali, informazione e comunicazione);
  • risparmio energetico ed energie rinnovabili;
  • servizi alle imprese;
  • manifatturiere e artigiane;
  • imprese operanti nel settore della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli, ad eccezione dei casi di cui all’articolo 1.1, lett. c), punti i) e ii) del Reg. UE n. 1407/2013;
  • commercio al dettaglio e all'ingrosso.
Sono esclusi i settori della pesca e dell’acquacultura, della produzione primaria in agricoltura, nonché, in generale, le attività che si riferiscono a settori esclusi dall’articolo 1 del Regolamento UE 1407/2013.
Spese ammissibili nel selfiemployment
Il sostegno finalizzato alla creazione di nuove imprese potrà assumere la forma di investimenti materiali e immateriali nonché di capitale circolante nei limiti delle norme dell'Unione applicabili in materia di aiuti di Stato, conformemente all’ammissibilità delle spese ed alle finalità previste dal Fondo Sociale Europeo, di cui al Regolamento (UE) 1304/2013 e coerentemente con il Regolamento (UE) n. 1303/2013 e con la normativa comunitaria in materia di Strumenti Finanziari.
Le spese di investimento, regolarmente documentate, possono riferirsi alle seguenti voci:
a) attrezzature, macchinari, impianti e allacciamenti;
b) beni immateriali ad utilità pluriennale, ad eccezione di brevetti licenze e marchi ivi compresi i compensi di ingresso per le iniziative in franchising;
c) ristrutturazione di immobili entro il limite massimo del dieci per cento del valore degli investimenti ammessi.
Saranno considerate ammissibili al finanziamento dell’iniziativa le spese per l’avvio dell’attività, strettamente funzionali all’esercizio dell’iniziativa ammessa, concernenti le seguenti voci:
  • materie prime, materiale di consumo, semilavorati e prodotti finiti, nonché altri costi inerenti al processo produttivo;
  • utenze e canoni di locazione per immobili;
  • prestazioni di garanzie assicurative funzionali all’attività finanziata;
  • salari e stipendi.
contatti: info@lavorarefacile.it
Questo sito non e' una testata giornalistica, non è una rivista periodica, non si compone di articoli giornalistici, costituisce una raccolta delle principali norme che regolano il mondo del lavoro incluse le novità, è creato per favorire la ricerca del lavoro, non viene aggiornato con periodicità ma esclusivamente sulla base delle novità che vengono introdotte  riguardante il mondo del lavoro.   

Lf lavorarefacile.it 2018. Tutti i diritti sono riservati info@lavorarefacile.it
Torna ai contenuti