Lavoro e Costituzione - lavorarefacile.it

La guida on line al mondo del lavoro

Lf lavorarefacile.it 2018 lavorarefacile.it 2018
Vai ai contenuti
NOVITA' DAL MONDO DEL LAVORO

Si finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5  milioni di euro che può coprire fino al 75% delle spese totali. Destinatari tutti gli under36 e le donne di ogni età che desiderano avviare un’attività imprenditoriale.

La Legge di Bilancio 2020, ha prorogato gli Incentivi assunzione 2019: incentivi assunzione giovani, incentivi assunzione giovani di Garanzia Giovani; incentivi assunzione sud.
Inoltre ha aggiunto altre misure per agevolare l'instaurazioni di nuovi rapporti di lavoro.
Per conoscere le modalità di accesso.


Il Decreto Legge n. 104 del 14 agosto 2020, pubblicato il 15 agosto 2020, prevede importanti modifiche alla disciplina del contratto di lavoro a termine. L’obbligo dell'indicazione della causalità viene sospesa sino al 31 dicembre 2020..........vai alla pagina

Lavoro e Costituzione

Lavoro nella Costituzione Italiana
La  Costituzione rappresenta un punto di riferimento importante nello studio  del diritto del lavoro. Contiene non solo i principi fondamentali che devono governare il mondo del lavoro, ma dispone anche su meterie specifiche. La Costituzione non si limita semplicemente all'enunciazione dei diritti e dei doveri del cittadino, ma si spinge sino alla concreta formulazione di un vero e proprio statuto del "lavoratore". In  particolare, viene sancito:
  • il diritto al lavoro;
  • ad  avere una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità al lavoro  svolto tale da assicurare un'esistenza libera e dignitosa;
  • i diritti irrinunciabili al riposo settimanale e alle ferie.
Tutela il lavoro minorile e quello femminile, sancisce la parità con l'altro sesso (parità di retribuzione a parità di condizione di lavoro), viene tutelata la funzione familiare della lavoratrice madre. Prevede interventi assistenziali e previdenziali in caso d'infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia e la disoccupazione involontaria.

L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro
(art. 1 comma 1  Cost.)


Lavoro «ogni tipo di attività o di funzione che concorre al progresso materiale e spirituale della società»
(art. 4 comma 2 Cost.)

«Tutti  i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla  legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di  opinioni politiche, di condizioni personali e sociali»
«è  compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e  sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’uguaglianza dei  cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e  l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione  politica, economica e sociale del Paese»
(art. 3 comma 1 e 2)

«La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto»
(art. 4 comma 1 Cost.)

«Ogni  cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità e la  propria scelta un’attività o funzione che concorra al progresso  materiale o spirituale della società»
(art. 4 c. 2)

«la Repubblica tutela il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni»
(art. 35 c. 1)

«Il  lavoratore ha il diritto ad una retribuzione proporzionata alla qualità  e quantità del lavoro svolto e comunque sufficiente ad assicurare una  esistenza libera e dignitosa per se e la sua famiglia»
(art. 36 c.1)

«Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite e non può rinunciarvi»
(art. 36 c. 3)


«La  donna lavoratrice ha gli stessi diritti e, a parità di lavoro, le  stesse retribuzioni che spettano al lavoratore. Le condizioni di lavoro  devono consentire l’adempimento della sua essenziale funzione familiare e  assicurare alla madre e al bambino una speciale adeguata protezione.
La  Repubblica tutela il lavoro dei minori con speciali norme e garantisce  ad essi, a parità di lavoro, il diritto alla parità di retribuzione»
(art. 37 c. 1 e 3)

vengono  previsti interventi assistenziali e previdenziali in favore del  lavoratore subordinato «in caso di infortunio, malattia, invalidità e  vecchiaia, disoccupazione involontaria»
(art. 38)

La libertà sindacale
(art. 39)
Il diritto allo sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano
(art. 40)
contatti: info@lavorarefacile.it
Questo sito non e' una testata giornalistica, non è una rivista periodica, non si compone di articoli giornalistici, costituisce una raccolta delle principali norme che regolano il mondo del lavoro incluse le novità, è creato per favorire la ricerca del lavoro, non viene aggiornato con periodicità ma esclusivamente sulla base delle novità che vengono introdotte  riguardante il mondo del lavoro.   

Lf lavorarefacile.it 2018.
Tutti i diritti sono riservati.
info@lavorarefacile.it
Torna ai contenuti