Incentivi alla creazione d'impresa 2022 - lavorarefacile.it

Lf lavorarefacile.it
Vai ai contenuti
Voci correlate
Incentivi alla creazione d'impresa 2022
Oltre Nuove imprese a tasso zero
Lo Stato attraverso la società Invitalia finanzia progetti di giovani imprenditori che intendano mettersi in proprio (da soli o in società), attraverso interventi a livello  nazionale.
Tra questi:
"Oltre Nuove imprese a tasso zero" è la versione "rifinanziata" della misura Autoimprenditorialità con 50 milioni di euro per ogni anno del triennio 2022-2024..
Gli  incentivi sono rivolti per tutti gli under36 e le donne di ogni età che desiderano avviare un’attività imprenditoriale o l’hanno già fatto  da meno  di 3 anni. Gli incentivi sono validi in tutta Italia e finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5  milioni di euro. Le agevolazioni consistono in un finanziamento a tasso zero della durata massima di 8 anni, fino al 90% del totale della spesa ammissibile di cui il contributo a fondo perduto non può superare il limite del 20% delle spese totali.
Per le imprese costituite da almeno 3 anni e da non più di 5, per realizzare nuove iniziative o ampliare, diversificare o trasformare attività esistenti, nei settori manifatturiero, servizi, commercio e turismo, possono  presentare progetti che prevedono spese per investimento fino a 3 milioni di euro .
Il finanziamento fino al 90% del totale della spesa ammissibile con un contributo a fondo perduto non può superare il limite del 15%.

La presentazione del business plan e della documentazione avviene esclusivamente online, previa registrazione sulla piattaforma informatica di Invitalia. E' richiesta una firma digitale e un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).
Sono finanziabili le iniziative per:
  • Produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli;
  • Fornitura di servizi alle imprese e alle persone;
  • Commercio di beni e servizi;
  • Turismo.
I finanziamenti saranno concessi fino adesaurimento.
Non verranno fatte graduatorie, la valutazione delle domande viene fatta  in base all’ordine cronologico di arrivo.
Inotre, è previsto un supporto alla presentazione della domanda con un aiuto per la compilazione del piano d’impresa attrverso il numero verde 848-886886.

Resto al sud 2022
Il 21 giugno 2017 è entrato in vigore il Decreto Legge n. 91/2017, "Resto al Sud", una nuova misura di sostegno all'imprenditoria  giovanile con agevolazioni per incentivare l'imprenditorialità nel  Mezzogiorno.
Il Decreto Legge n. 91/2017, è stato convertito con Legge n. 123 del 3 agosto 2017, pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 188 del 12 agosto 2017, ha fatto seguito, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del 5 dicembre 2017, il Decreto Ministeriale attuattivo con le modalità per accedere al finanziamento. Le domande potranno essere presentate a partire dal 15 gennaio 2018.
L'incentivo è stato modificato dalla Legge di Bilancio 2021  la quale ha ampliato la platea dei beneficiari che ora si rivolge agli imprenditori fino a 55 anni d’età nell’intento di sostenere una delle categorie più in sofferenza del mercato del lavoro post-Covid.
Pertanto, sarà rivolto agli aspiranti imprenditori tra i 18 e i 55 anni, residenti in Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia,  o che intendano farlo nei 60 giorni successivi all'esito del bando; che  abbiano avviato o stanno per avviare una singola impresa o una società,  avente sede legale e/o operativa in una delle regioni sopra elencate,  nei settori:
  • agricoltura;
  • artigianato  industria;
  • fornitura di servizi (terziario);
  • della   pesca, dell'acquacoltura e dei servizi turistici;
  • commercio (prima escluso) inclusa la vendita dei beni prodotti nell'attività di impresa.
Per 24 comuni del centro Italia, apparteneti all'area del cratere sismico del centro Italia che presentano una percentuale di edifici dichiarati inagibili superiore al 50%, non viene applicato il limite di età previsto di cui sopra.
Inoltre, l’incentivo è esteso anche ad alcuni territori del Centro-Nord:
  • Campo nell'Elba;
  • Capoliveri;
  • Capraia;
  • Giglio;
  • Marciana;
  • Marciana Marina;
  • Ponza;
  • Porto Azzurro;
  • Portoferraio;
  • Portovenere;
  • Rio;
  • Ventotene;
  • isole minori lagunari e lacustri:
  • isole della laguna veneta:
    • Lido, Murano, Pellestrina, Burano, Sant’Erasmo, Mazzorbo, Vignole, Torcello, San Giorgio, San Michele, San Clemente, San Francesco del Deserto, Marzobetto, San Lazzaro degli Armeni;
  • isole della laguna di Grado:
    • Isola di Grado, Isola di Santa Maria di Barbana, Isola di Morgo;
  • isole del lago d’Iseo:
    • Monte Isola;
  • isole del lago di Garda;
  • Comacina (lago di Como);
  • Isola d’Orta – San Giulio;
  • isole del lago Trasimeno:
    • Isola Maggiore e Isola Polvese;
  • Isole Borromee:
    • Isola Superiore, Isola Bella, Isola Madre, Isola San Giovanni;
I richiedenti l'incentivo:
  • non sono già titolari di altre attività d’impresa in esercizio alla data del 21/06/2017;
  • non hanno ricevuto altre agevolazioni nazionali per l’autoimprenditorialità nell’ultimo triennio;
  • non hanno un lavoro a tempo indeterminato e si impegnano a non averlo per tutta la durata del finanziamento.
  • Inoltre, possono richiedere i finanziamenti:
    • i liberi professionisti ( in forma societaria o  individuale ) che non risultano titolari di partita IVA nei 12 mesi  antecedenti la presentazione della domanda per lo svolgimento di  un’attività analoga a quella proposta (codice Ateco non identico fino  alla terza cifra di classificazione delle attività economiche).
    L’incentivo si rivolge a:
    • imprese costituite dopo il 21/06/2017;
    • imprese costituende (la costituzione deve  avvenire entro 60 giorni - o 120 giorni in caso di residenza all’estero -  dall’esito positivo dell’istruttoria).
    Disponibili fino a 200 mila euro per le società e 50 mila euro per le ditte individuali.
    Le domande, dal 15 gennaio 2018, devono essere presentate on line presso il sito istituzionale di INVITALIA previa registrazione.
    L'incentivo erogato è così definito:
    50%  come finanziamento a fondo perduto;
    50% come prestito  a tasso zero, concesso da istituti di credito in base alle modalità  definite dalla convenzione. Il prestito è rimborsato entro 10 anni complessivi dalla concessione del finanziamento, di cui i primi 2 anni  di pre-ammortamento, e usufruisce del contributo in conto interessi e  della garanzia.
    Invitalia ha messo a disposizione una manuale per la presentazione della domanda.
    E' disponibile l'app per essere sempre informato sulle novità e controllare l'iter della tua domamda presentata. Scarica l'app.
    Contattami per
    Informazioni
    Consulenze gratuite
    Lf lavorarefacile.it 2018.
    Tutti i diritti sono riservati.
    info@lavorarefacile.it
    Questo sito non e' una testata giornalistica, non è una rivista periodica, non si compone di articoli giornalistici, costituisce una raccolta delle principali norme che regolano il mondo del lavoro incluse le novità, è creato per favorire la ricerca del lavoro, non viene aggiornato con periodicità ma esclusivamente sulla base delle novità che vengono introdotte  riguardante il mondo del lavoro.   

    Privacy Policy
    Cookie Policy
    Torna ai contenuti