Come presentare le dimissioni, le dimissioni per giusta causa - lavorarefacile.it

La guida on line al mondo del lavoro

Lf lavorarefacile.it 2018 lavorarefacile.it 2018
Vai ai contenuti
NOVITA' DAL MONDO DEL LAVORO

Si finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5  milioni di euro che può coprire fino al 75% delle spese totali. Destinatari tutti gli under36 e le donne di ogni età che desiderano avviare un’attività imprenditoriale.

La Legge di Bilancio 2018, ha destinato importanti risorse attraverso gli Incentivi assunzione 2018: incentivi assunzione giovani, incentivi assunzione giovani di Garanzia Giovani; incentivi assunzione sud. Per conoscere le modalità di accesso.


Convertito in Legge il d.l. 12 luglio 2018, n. 87 (decreto dignità)

Contratti a tempo determinato:
durata massima 24 mesi, rinnovi e proroghe massimo 4. Per le  proroghe e i rinnovi superiori ai 12 mesi viene reitrodotta la causale. Inoltre, è previsto un aggravio contributivo dello 0,5% su ogni rinnovo o proroga di contratti a termine superiore ai 12 mesi. Le nuove regole si applicano dal 1/11/2018. Vai
Modifiche alle nuove Prestazioni Occasionali: possibile utilizzo per le aziende alberghiere e le strutture del settore turistico con durata massima fino dieci giorni.
Proroga del Bonus assunzioni giovani under 35 fino a tutto il 2020.

Come presentare le dimissioni, le dimissioni per giusta causa

La cessazione del rapporto di lavoro
Come presentare le dimissioni - le dimissioni volontarie

Qualsiasi rapporto di lavoro può essere reciso anticipatamente da una delle parti con una dichiarazione di volontà, oltre alla cessazione per licenziamento della parte datoriale, esso può anche cessare per espressa volantà del lavoratore mediante la presentazione delle  "dimissioni".
Anche in questo caso, le dimissioni secondo le disposizioni del codice civile  art. 1373, sono un atto unilaterale, recettizio ed estrinsecativo di  un diritto potestativo: in quanto proviene da una sola delle parti,  acquista efficacia con l'avvenuta conoscenza da parte datoriale, produce effetti sulla sfera giuridica dell'altro soggetto del contratto.
Le dimissioni sono regolate dagli artt. 2118 e 2119 del c.c.. Devono essere rispettate i termini del preavviso come previsto dai contratti collettivi pena il pagamento, da parte del lavoratore, dell'indennità per il mancato preavviso. Non è necessario il termine del preavviso in caso di dimissioni per giusta causa.
Per dimettersi, il lavoratore deve manifestare al datore di lavoro, per iscritto, la volonta di recedere dal rapporto di lavoro con i termini del preavviso. Al fine della validità delle stesse, esse devono essere e  presentate on line sul sito dedicato.
È possibile procedere personalmente accedendo sul portale attraverso un PIN dispositivo che può essere richiesto collegandosi al portale dell'INPS.
Le  dimissioni on line, possono anche essere presentate per mezzo di  soggetti abilitati che sono:
  • patronati;
  • organizzazioni sindacali;
  • commissioni di certificazione;
  • enti bilaterali;
  • con l’entrata in vigore del D. Lgs. 185/2016, anche consulenti del lavoro e sedi territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

Dimissioni per giusta causa
La giusta causa è regolata dai contratti collettivi. Essa può riguardare la sfera, sia del lavoratore, sia quella del datore di lavoro. A titolo esemplificativo costituisce una giusta causa:
  • le esigenze di salute o motivi familiari del  prestatore di lavoro;
per quanto riguarda la sfera del datore di lavoro, può essere una giusta causa:
  • un grave indempimento contrattuale come il  mancato pagamento della retribuzione protratta per più mesi;
  • il mancato pagamento dei contributi previdenziali ed assistenziali.
In caso di dimissioni per giusta causa, il rapporto di lavoro cessa immediatamente ed è dovuta, da parte del datore di lavoro, l'indennita per il mancato preavviso.

Convalida delle dimissioni
Le dimissioni presentate dai lavoratori o dalle lavoratrici per cui vige il divieto di licenziamento, salvo i casi previsti dalla legge, devono essere validate dall'Ispettorato Territoriale del Lavoro competente per territorio.
La procedura prevista è la seguente:  
  • il prestatore di lavoro deve inviare le dimissioni al datore di lavoro;
  • deve presentarsi con una copia delle dimissioni presso l'Ispettorato Territoriale del Lavoro competente per territorio per la validazione delle stesse.
Devono essere validate le dimissioni dei prestatori di lavoro che si trovano nelle seguenti condizioni:
  • in caso di matrimonio della lavoratrice, che va dalla data delle pubblicazioni fino ad un anno dalla data di celebrazione;
  • della  lavoratrice in caso di gravidanza e di puerperio, che va dalla  dall'inizio della gravidanza fino al compimento di tre anni del bambino;
  • lavoratore padre fino al compimento di tre anni di età del bambino.
contatti: info@lavorarefacile.it
Questo sito non e' una testata giornalistica, non è una rivista periodica, non si compone di articoli giornalistici, costituisce una raccolta delle principali norme che regolano il mondo del lavoro incluse le novità, è creato per favorire la ricerca del lavoro, non viene aggiornato con periodicità ma esclusivamente sulla base delle novità che vengono introdotte  riguardante il mondo del lavoro.   

Lf lavorarefacile.it 2018. Tutti i diritti sono riservati info@lavorarefacile.it
Torna ai contenuti